Indietro alla 
panoramica
  • SWISSWOOL

    SWISSWOOL
    SWISSWOOL
  • MERINO COOL

    MERINO COOL
    MERINO COOL
  • MERINO

    MERINO
    MERINO

TASMANIA

HOME OF MERINO

Il paese d’origine della nostra lana è al centro di un paradiso naturale. Là dove l’aria è più pulita, dove il cibo è più ricco e il clima è temperato ha origine la lana Merino migliore del mondo. Circondata da migliaia di chilometri d’acqua e lontana da centri industriali la Tasmania è il luogo dove è stata riscontrata la miglior qualità d’aria del nostro pianeta. La parte occidentale dell’isola è quasi inaccessibile, caratterizzata da vette coperte da neve fino all’inizio dell’estate (la montagna più alta è il Mount Ossia 1.617 m), la parte orientale ricorda un verde altopiano e proprio qui vivono le nostre pecore Merino in incomparabile solitudine. Su una superficie grande come la Baviera vivono quasi 500.000 abitanti (in Baviera: 12,6 milioni) e 3 milioni di pecore Merino. I greggi di pecore, composti da ca. 10.000 animali, vedono in media soltanto due o tre persone l’anno, per il resto vivono in modo autonomo tra prati verdi circondati da grandi alberi d’eucalipto ... ogni tanto il Diavolo della Tasmania fa loro una visita.

LA TRADIZIONE DELLA LANA

Dal 1988 noi di ORTOVOX facciamo affidamento sulla lana! Più di un quarto di secolo d’esperienza nella lavorazione delle fibre più funzionali in natura. Cominciando dal primo fino al terzo strato pensiamo in modo olistico e non c’è capo d’abbigliamento che realizziamo senza fibra di lana di pecora. La nostra competenza consiste nel combinare intelligentemente il materiale naturale con altri materiali innovativi. Grazie ai capi d’abbigliamento da noi creati puoi avere incredibile funzionalità e comfort per le tue avventure in montagna.
Abbiamo scoperto la lana Merino, per noi e per tutti gli appassionati di montagna, nel 1995. I vantaggi della lana Merino derivano soprattutto dallo spessore molto fine delle sue fibre e dalla loro grande resistenza. Lavoriamo esclusivamente fibre in lana con 18-19 micron (un micron = un millesimo di millimetro). Per fare un confronto: un capello umano ha ca. 50-100 micron - a 25 micron la lana comincia a irritare la pelle. Chiaramente ci sono fibre con uno spessore più sottile, una loro lavorazione non sarebbe però conveniente dal punto di vista economico. Inoltre non hanno la stabilità necessaria per gli sport di montagna.

MERINO

La Tasmania è la patria riconosciuta in tutto il mondo della lana di migliore qualità e questo soprattutto per due motivi. In Tasmania le pecore Merino vengono allevate da oltre 180 anni. Qui sono nate le razze più moderne che forniscono lana di qualità finissima e resistente. In più grazie alla forma del loro corpo non è più necessario sottoporre gli animali al famigerato e doloroso processo di Mulesing. Anche le loro condizioni di vita contribuiscono alla produzione di lana pregiata. La Tasmania offre la più grande varietà possibile. Gli animali godono di spazi pressoché illimitati e trovano fonti di cibo naturali e a sufficienza come pascoli particolarmente ricchi di proteine. Il clima è temperato. Gli inverni non sono particolarmente freddi, anche il caldo estremo è piuttosto raro. Questi fattori comportano una crescita equilibrata e particolarmente stabile delle fibre. I pastori della Tasmania conoscono l’importanza dei loro animali e hanno imparato, nel corso di 180 anni, a trattarli in modo adeguato, allevandoli in modo sostenibile e responsabile.
Qui trovi la prova dell’uso di lana ottenuta senza procedimento
Mulesing!

L’ORIGINALE MERINO È VENUTO DALLA SPAGNA

Più della metà dellla popolazione mondiale dei montoni discende dai montoni merino o proviene da incroci di montoni merino. In origine i merino venivano dalla Spagna, dove vennero commerciati per la prima volta nel 1307. Come tutti gli altri montoni domestici, il merino discende dal muflone. Al giorno d'oggi il muflone europeo vive in libertà solo in Sardegna e in Corsica. Il primo montone merino spagnolo è stato importato in Australia circa 200 anni fa. A differenza degli allevatori europei che puntarono al miglioramento della qualità della carne, quelli australiani hanno messo l'accento sulla qualità della lana. I coloni australiani non avevano altre possibiltà, poichè esportare carne su vecchi velieri era impossibile. E' così che nel corso di generazioni gli allevatori si applicarono per migliorare la lana di montone al fine di ottenere sempre più fibre di lana, più fini e della migliore qualità possibile. Oggi il numero di montoni nel mondo è stimato in più di un miliardo. Con circa 125 milioni di montoni in totale, l’Australia, è il primo produttore mondiale di lana a fibre sottili. La Nuova Zelanda con 70 milioini di montoni, la Cina e la Russia sono anch'essi grandi fornitori del mercato della lana, ma la qualità è più grossolana.

FAI LA CONOSCENZA DELLA FATTORIA ASHBY!

Nelle highland della Tasmania orientale si trova una delle quattro fattorie che forniscono la lana Merino per la nostra collezione di abbigliamento da montagna. Nella Ashby’s Farm si allevano pecore Merino da cinque generazioni. Abbiamo visitato la fattoria e fatto conoscenza della famiglia.

TEMPO DI TOSATURA!

La tosatura è un lavoro puramente manuale. Solitamente i pastori hanno le proprie “capanne di tosatura” nelle quali, una volta all’anno, le pecore vengono tosate manualmente. Non è il pastore a farlo autonomamente, ma un team di tosatori. Solitamente lavorano parallelamente 3 o 4 tosatori. I tosatori sono sostenuti da un’imbracatura che ne supporta il torso e previene dolori lombari. Il tosatore tiene ferma la pecora tra le gambe e tosa la lana su tutta la superficie del corpo dell’animale. Per la pecora l’operazione è completamente indolore. Un perito statale è incaricato di prendere le decisioni riguardo la qualità della lana. Vengono giudicati: spessore delle fibre, lunghezza, grado di purezza e resistenza, suddividendoli in cinque categorie. Una pecora di prim’ordine fornisce ca. 10 kg di lana, un buon tosatore riesce a tosare ca. 180 animali al giorno, mentre il loro compenso per ogni animale è di 2,6 AUD.

SONO NECESSARI CINQUE PASSI PER PASSARE DALLA GRASSA LANA VERGINE AD UN INSIEME DI FIBRE LISCE

1. Lavaggio della lana - Viene pulita da grasso e sporco
2. Pettinandola vengono eliminati gli ultimi residui
3. Le fibre vengono raggruppate e districate
4. Fibre infeltrite e troppo corte vengono cardate
5. La lana viene successivamente districata per ancora due volte
Il logo, un piccolo gomitolo di lana, lo riconoscono tutti. L’azienda - THE WOOLMARK COMPANY - e i marchi che questa rappresenta sono innovatori nel settore dell’industria della lana. Anche noi siamo entusiasti licenziatari e approfittiamo così costantemente degli sviluppi più avanzati delle fibre e dei supporti offerti nel settore marketing. THE WOOLMARK COMPANY offre un’eccellente rete che comprende la catena globale dei fornitori, dalle pecore ai rifinitori e ai marchi e che fa tutto il possibile affinché le fibre in lana siano sempre migliori e sempre più conosciute.

FUNZIONALITÀ

EUTRA AGLI ODORI
A chi non piace essere sempre freschi? La lana ti permette di affrontare anche le traversate di più giorni di montagna con pochi capi d’abbigliamento. Ciò è possibile grazie alle molecole delle proteine delle fibre di lana Merino che annientano i batteri che causano i cattivi odori. Dopo la traversata basta semplicemente far prendere aria al capo per poterlo indossare di nuovo il giorno successivo. I tuoi compagni e l’ambiente ne saranno felici!
CALORE DI CONDENSAZIONE
Le fibre in lana sono fibre idrofile e proprio questo le rende così funzionali! Possono immagazzinare fino al 35% del loro peso specifico in umidità senza che si abbia la sensazione di bagnato. Così la superficie della fibra rimane asciutta mentre l’umidità viene trasportata nel nucleo. In questo modo la lana, contrariamente alla piuma o al poliestere, rimane calda e comoda anche bagnata. Naturalmente la lana si asciuga anche velocemente e per questo mantiene al fresco anche nelle calde giornate d’estate. Chiaramente la lana rilascia anche l’umidità e ciò garantisce refrigerio anche con alte temperature: l’aria calda dell’ambiente contribuisce ad accelerare il processo d’asciugatura nel corso del quale si sviluppa l’energia rinfrescante della dispersione di calore per evaporazione. Le fibre di lana e fanno proprio ciò che ti aspetteresti in ogni stagione, rinfrescano in estate e riscaldano in inverno.
MORBIDA
La lana Merino non prude! Le fini fibre in lana di 18-19 micron (un micron = un millesimo di millimetro) sono così sottili da essere decisamente inferiori al livello di 25 micron in cui cominciano a irritare la pelle. E se qualcuno pensa ancora che la lana pruda (perché continua a pensare ai maglioni in lana della nonna) abbiamo sviluppato per lui delle varianti speciali (come MERINO SUPERSOFT O MERINO COMPETITION). In queste combinazioni altri tipi di fibre sono a contatto con la pelle (Lenzing Modal di cellulosa di legno di faggio - MERINO SUPERSOFT) oppure abbiamo frammischiato alla lana una piccola parte di fibre artificiali (MERINO COMPETITION).
TERMOREGOLANTE
Che la lana in inverno scaldi lo sapevano anche le nostre nonne, per questo già allora c’erano quei fantastici maglioni in lana che prudevano a contatto con la pelle. Ma refrigerio in estate? Nemmeno le nostre nonne ci avrebbero pensato. La caratteristica termoregolante si basa su due principi: da una lato le fibre in lana sono increspate e offrono molto posto per l’aria negli spazi intermedi. Quest’aria funge da strato isolante, sia in estate che in inverno, contro il caldo e il freddo. Tra l’altro è proprio questo strato isolante che permette alle pecore Merino di sopravvivere durante le estati tasmaniane che possono essere in parte caldissime. Il secondo principio si basa sull’energia refrigerante della dispersione di calore per evaporazione. La lana può immagazzinare fino al 35% del suo peso specifico in umidità (senza che si abbia la sensazione di bagnato). Se l’aria nell’ambiente è calda l’umidità si asciuga più velocemente sviluppando così l’energia rinfrescante della dispersione di calore per evaporazione. Se le nostre nonne l’avessero saputo ci sarebbero state già da allora t-shirt in lana.
PRATICITÀ
Anche se la lana, in linea di principio, ha capacità di neutralizzare gli odori, può succedere di sporcarsi e di doverla lavare. Ciò è più facile di quanto non si creda: Le caratteristiche speciali della nostra lana Merino ottenute con il procedimento “Total Easy Care” rendono possibile il lavaggio in lavatrice a 30°- 40°. Soltanto la struttura esteriore della fibra di lana viene lavata prevenendo così che questa si restringa. Come per la maggior parte dei capi d’abbigliamento funzionali dovresti però evitare il lavaggio chimico o l’impiego dell’asciugatrice.

Qui trovi le istruzioni di lavaggio.
OGNI ANNO UN VELLO NUOVO
La lana è naturalmente ecologica! Le pecore Merino vengono tosate, a seconda della razza, una o due volte l’anno - il vello ricresce spontaneamente. La tosatura è un lavoro puramente manuale e completamente indolore per l’animale. E del resto, chi vorrebbe portarsi dietro un tappeto nelle calde giornate d’estate?

NEUTRA
AGLI ODORI >>

CALORE DI CON-
DENSAZIONE >>


MORBIDA >>

 
TERMOREGOLANTE >>


PRATICITÀ >>

OGNI ANNO UN
VELLO NUOVO >>

PRODUZIONE SOSTENIBILE

Come azienda fornitrice di attrezzature per gli sport di montagna e come team di appassionati alpinisti abbiamo molto a cuore l’ambiente e le condizioni in cui vengono realizzati i nostri prodotti. Per questo motivo collaboriamo con famosi produttori (ad es. Lenzing / Austria, Toray / Giappone o schoeller / Svizzera), per i quali la protezione dell’ambiente e condizioni di lavoro eque sono altrettanto importanti per noi e che condividono i nostri valori etici. Brevi vie di trasporto, ma anche disposizioni legali più severe ci inducono a far produrre una parte sempre maggiore dei nostri prodotti in Europa. Come potrai vedere tu stesso cliccando il nostro settore prodotti abbiamo assegnato a tutti questi prodotti un proprio logo e non sono davvero pochi. Assieme ai nostri fornitori cerchiamo di sviluppare nuovi processi produttivi, per incidere il meno possibile sull’ambiente. Due esempi di azioni orientate verso il futuro sono la sospensione dell’uso di C8-PFC, classificati come sostanze critiche, nell’autunno 2011 o l’impiego di membrane esenti da PFC nel settore Hardshell. La sostenibilità nasce soprattutto dall’alta qualità dei prodotti e dalla loro resistenza oltre che dall’impiego di materiali naturali come lana o fibre di cellulosa.

> Prossimo capitolo